Winter Dreams – Sogni d’inverno | Short Stories. I piccoli capolavori che fanno crescere il tuo inglese.
Fitzgerald-WinterDreams
Francis S. Fitzgerald
Winter Dreams – Sogni d’inverno
Anno di pubblicazione: 2012
FORMATI DISPONIBILI
Winter Dreams – Sogni d’inverno
Voti: 17, Media: 3.82
CENNI BIOGRAFICI
LA TRAMA

Francis Scott Fitzgerald nasce a St. Paul, Minnesota, nel 1896, da famiglia benestante. Dopo i primi studi, si iscrive all’università di Princeton, che abbandona nel 1917 per arruolarsi nell’esercito.

Non arriverà mai al fronte della prima guerra mondiale, ma nel 1918, in attesa di un imbarco per l’Europa, conosce a Montgomery, in Alabama, Zelda Sayre, che sposa nel 1920, non appena conseguite fama e ricchezza grazie alla sua produzione letteraria.

La coppia vive una vita dorata tra Long Island e Parigi, tra feste e mondanità, fino al 1926, quando Zelda manifesta i primi segni di una grave schizofrenia.
La crisi coniugale che ne deriva, e che si trascina per qualche anno, si fonderà con la crisi economica del 1929, che distruggerà completamente il bel mondo che per tanto tempo lo scrittore aveva felicemente abitato.

Debilitato dagli eccessi alcolici, con Zelda ormai definitivamente reclusa in una clinica per malattie mentali, dimenticato dal suo pubblico, Fitzgerald muore improvvisamente nel 1940 a Hollywood, dove si era trasferito da poco tenrando di rifarsi un futuro come sceneggiatore cinematografico.

Sogni d’inverno è considerato da molti l’antecedente diretto de Il grande Gatsby, il romanzo che nel 1925 consacrò definitivamente la fama letteraria di Francis Scott Fitzgerald.

In effetti anche qui, come nel romanzo, i temi centrali sono l’amore, tanto più duraturo e fervente quanto più impossibile, e il denaro, i fiumi di denaro che scorrono più o meno tranquillamente nel bel mondo americano, ancora ben lungi dall’avvertire gli scricchiolii della Grande Depressione prossima ventura.

A differenza del romanzo, però, Sogni d’inverno è in fondo un racconto di formazione: per pochi tratti salienti ci vengono infatti narrati diciotto anni della vita del protagonista Dexter Green, dai quattordici ai trentadue anni d’età; anni segnati dalla figura di Judy Jones, nei confronti della quale Dexter prova immediatamente una forte attrazione mista a sospetto, che si trasformerà ben presto in amour fou.

Ma un giorno Dexter dovrà definitivamente rinunciare al filo rosso della sua vita, scandito dai suoi immarcescibili “sogni d’inverno”.

È questa la tristezza più vicina a noi di Fitzgerald: la constatazione che nel mondo dorato in cui lui stesso viveva c’è sempre e comunque una ferita che non si rimargina, un sogno che non si realizza, un rimpianto che non può sparire.

“He loved her, and he would love her until the day he was too old for loving – but he could not have her. So he tasted the deep pain that is reserved only for the strong, just as he had tasted for a little while the deep happiness.”

“L’amava e avrebbe continuato a farlo fino al giorno in cui sarebbe stato troppo vecchio per amare… ma non poteva averla. Assaporò così quel dolore intenso che è riservato soltanto ai forti, così come per un breve momento aveva assaporato un’intensa felicità.”

ASCOLTA L'AUDIO

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l'ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

4 Commenti a Winter Dreams – Sogni d’inverno

  1. paolo

    COMPLIMENTI PER IL MODO CON CUI HO POTUTO APPREZZARE LA LINGUA INGLESE,MI SONO APPASSIONATO TANTO CHE L’HO ASCOLTATO TUTTO DI UN FIATO

  2. dario

    salve! non ho ancora ascoltato il libro,vorrei però farvi un appunto.Penso che la divisione in 4 capitoli rendeva l’audiolibro molto più fruibile.Io di solito li ascolto su una chiavetta USB quando guido,è dura riprendere dopo un’interruzione.

    • ShortStories

      gentile Dario, grazie del tuo messaggio. Segnaleremo la tua osservazione alla redazione. Continua a seguirci!