Super Goat Man – Super Goat Man | Short Stories. I piccoli capolavori che fanno crescere il tuo inglese.
500_Short_Vol_18
Jonathan Lethem
Super Goat Man – Super Goat Man
Data di pubblicazione: 27/11/2015
FORMATI DISPONIBILI
Super Goat Man – Super Goat Man
Voti: 0, Media: 0.00
CENNI BIOGRAFICI
LA TRAMA

Jonathan Allen Lethem nasce a Brooklyn il 19 febbraio 1964 da un artista e un’attivista politica. Dopo una formazione nel campo delle belle arti, nel 1984 Lethem abbandona gli studi e si trasferisce in California, dove lavora come commesso in varie librerie e si dedica nel tempo libero alla scrittura.

Nel 1989 pubblica la prima short story e nel 1994 il primo romanzo, Gun, with Occasional Music, che si fa subito notare per l’originale ambientazione futuristica che fa da sfondo a una storia hard-boiled. Oltre all’influsso di Philip K. Dick, autore molto amato da Lethem, sono già presenti in quest’opera alcune tematiche chiave della produzione matura: i subdoli rapporti di potere, l’emarginazione, l’importanza della memoria.

Seguono poi Amnesia Moon (1995) e As She Climbed Across the Table (1997), ma è solo con Motherless Brooklyn (1999) che Lethem raggiunge il successo internazionale, grazie alla grande abilità nel miscelare generi letterari diversi, superando qualsiasi contrapposizione tra “alto” e “basso” in letteratura. Oltre ai romanzi The Fortress of Solitude (2003), You Don’t Love Me Yet (2007), Chronic City (2009), Dissident Gardens (2013), Lethem ha scritto molte short stories (raggruppate in cinque raccolte) e alcuni saggi, tra cui la miscellanea The Ecstasy of Influence: Nonfictions, Etc. (2011).

Conosciuto da una cerchia di lettori ancora piuttosto ristretta in Italia, in patria Jonathan Lethem è considerato un autore di culto, soprattutto grazie al successo riscosso con i romanzi Motherless Brooklyn (1999) e The Fortress of Solitude (2003).

Scrittore prolifico e versatile, Lethem ha firmato anche moltissime short stories, tra cui Super Goat Man, antologizzata in Men and Cartoons (1994) e qui presentata. In questo racconto emerge vivissima la passione di Lethem per i supereroi marginali (il che può sembrare una contraddizione…), in quanto protagonista della bizzarra vicenda narrata è un uomo con le fattezze e i poteri di una capra, protagonista per un breve periodo di misere avventure noiose pubblicate da una casa editrice minore di fumetti.

Non bisogna però lasciarsi trarre in inganno dalla stranezza del personaggio: seguendone successi e fallimenti pagina dopo pagina, spostandosi nell’arco di vent’anni da una comune hippie di Brooklyn al campus del Corcoran College, ci si rende conto di come l’autore scavi a fondo nell’immaginario pop e nella cultura di massa per mettere in luce subdoli giochi di potere, ascesa e declino delle ideologie, solitudine e altre umane emozioni.

“We had eyes only for Spider-Man and Batman in those days, superheroes in two dimensions, with lunch boxes and television shows and theme songs. Super Goat Man had none of those.”

“A quei tempi avevamo occhi solo per Spiderman o Batman, supereroi bidimensionali, con tanto di cestini per la merenda, programmi televisivi e sigle da canticchiare. Super Goat Man non aveva nulla di tutto questo.”

 

ASCOLTA L'AUDIO

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l'ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Hai letto questo libro? Lascia un tuo commento!

Nome
Sito web