Mrs McWilliams and the Lightning – Other short stories | Short Stories. I piccoli capolavori che fanno crescere il tuo inglese.
06_SHORT2013_cover500
Mark Twain
Mrs McWilliams and the Lightning – Other short stories
La signora McWilliams e i fulmini - Altre short stories
Anno di pubblicazione: 2013
FORMATI DISPONIBILI
Mrs McWilliams and the Lightning – Other short stories
Voti: 4, Media: 5.00
CENNI BIOGRAFICI
LA TRAMA

Mark Twain (pseudonimo di Samuel Langhorne Clemens) nasce a Florida, nel Missouri, il 30 novembre 1835 in una famiglia modesta. Sesto di sette fratelli, soffre di pessime condizioni di salute per tutta l’infanzia. Nel 1839 la famiglia si trasferisce a Hannibal, sul Mississippi, in cerca di fortuna.

A soli dodici anni Samuel è costretto ad abbandonare gli studi per guadagnarsi da vivere, dapprima come tipografo del giornale locale, poi come battelliere sul Mississippi e quindi cercatore d’oro nel Nevada. Arruolatosi nell’esercito confederato allo scoppio della guerra civile, dopo poco abbandona le armi e diviene giornalista. Raggiunta la notorietà con il racconto umoristico La famosa rana saltatrice della contea di Calaveras (1865), intraprende una serie di viaggi in America e in Europa per scrivere reportage e tenere conferenze.

Nel 1870 sposa Olivia Langdon, sua compagna per tutta la vita e madre dei suoi quattro figli, e nel 1874 la famiglia si stabilisce a Hartford. I romanzi di avventura per ragazzi The Adventures of Tom Sawyer (1876) e Adventures of Huckleberry Finn (1885) lo consacrano padre della letteratura americana. La produzione matura si caratterizza per un cupo pessimismo, legato a una serie di fallimenti commerciali e disgrazie familiari. Muore a Redding il 21 aprile 1910.

I signori McWilliams sono una coppia attraverso cui Mark Twain mette alla berlina le dinamiche disfunzionali tra uomo e donna nel matrimonio e le idiosincrasie borghesi, con una spiccata vena umoristica che sfiora il grottesco; proprio l’umorismo è nel ciclo qui proposto la cifra stilistica dello scrittore, considerato da molta critica e dallo stesso Ernest Hemingway il primo autore autenticamente americano: in lui non c’è nulla della “misura” tipicamente british ma piuttosto il gusto baldanzoso per l’esagerazione e per l’assurdo.

Il narratore del ciclo è Mortimer McWilliams; l’occasione per raccontare questi aneddoti è un viaggio in treno con Twain stesso, che si limiterebbe a riportare le parole del signor McWilliams. L’uso della prima persona facilita il processo di identificazione del lettore con Mortimer, che con invincibile umorismo cerca di soddisfare le richieste di una moglie esigente e irrazionale, vittima delle sue stesse fobie. I racconti hanno infatti per tema il precario equilibrio della vita familiare e di coppia, e la critica vi ha ravvisato, riflesso, il legame tra l’autore e la moglie Olivia, al punto che  queste storie vengono considerate una sorta di “valvola di sfogo” del suo rapporto matrimoniale.

[...] whenever I want a thing, and Mrs McWilliams wants another thing, and we decide upon the thing that Mrs McWilliams wants – as we always do – she calls that a compromise.

[...] ogniqualvolta io voglio una cosa e la signora McWilliams vuole un’altra cosa e decidiamo per la cosa che vuole la signora McWilliams – come facciamo sempre – lei lo chiama un compromesso.

ASCOLTA L'AUDIO

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l'ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

I commenti sono chiusi.