I Love You, Honey – Ti amo, dolcezza | Short Stories. I piccoli capolavori che fanno crescere il tuo inglese.
500_Short_Vol_17
Jay McInerney
I Love You, Honey – Ti amo, dolcezza
Putting Daisy Down - Eliminare Daisy
Data di pubblicazione: 20/11/2015
FORMATI DISPONIBILI
I Love You, Honey – Ti amo, dolcezza
Voti: 0, Media: 0.00
CENNI BIOGRAFICI
LA TRAMA

Jay McInerney nasce il 13 gennaio 1955 a Hartford.

Allievo di Raymond Carver alla Syracuse University di New York, trova impiego nella redazione di The New Yorker e poi pubblica il romanzo Bright Lights, Big City (1984), che riscuote l’immediata attenzione dei critici, in molti entusiasti per una nuova scrittura capace di rendere con immediatezza la furia iconoclasta della società americana, pervasa dal consumismo e dalla frenesia mediatica.

Pubblica poi, tra gli altri, i romanzi Ransom (1985), Story of My Life (1988), Brightness Falls (1992), che ha il suo seguito in The Good Life (2006). Dal 2010 è critico enogastronomico per The Wall Street Journal.

L’interesse per la upper class americana, votata egoisticamente al proprio esclusivo piacere, caratterizza tutta la produzione di Jay McInerney, che ci offre uno spaccato cinico e disincantato della vita dissoluta di personaggi di successo, tutti impegnati in relazioni a lungo termine, ma attratti in modo incoercibile dal tradimento; è infatti questo uno dei temi principali delle due short stories qui presentate. Nel primo racconto, I Love You, Honey, Lora assiste in diretta televisiva al crollo delle Twin Towers di New York e, preoccupata, cerca di contattare il marito. Quando finalmente risponde al telefono, Liam è ancora ignaro del disastro.

La spiegazione è piuttosto ovvia, ma la gioia di ritrovarsi spinge Lora a non farsi troppe domande. La tregua però dura poco; e la moglie sarà disposta a colpire anche se stessa pur di ferire il marito. Nel secondo racconto, Putting Daisy Down, Bryce e Carly sono una coppia sposata che, in attesa del primo figlio, si è appena trasferita fuori città.

Anche in questo caso la moglie tradita (e informata della relazione adulterina dall’amante stessa) sceglierà un modo molto indiretto e subdolo per punire il marito. McInerney ci pone quindi di fronte a due coppie disfunzionali molto simili: i mariti fedifraghi sono uomini deboli e ipocriti; le donne, livide di rancore, escogitano crudeli vendette ma non rompono il matrimonio pur di non rinunciare al loro status altoborghese.

“Somehow, three years before, they’d both believed that marriage would be the cure for a malaise they’d never named or spoken about…”

“In qualche modo tre anni prima avevano entrambi creduto che il matrimonio fosse la cura di un malessere al quale non avevano dato un nome e del quale non avevano neppure mai parlato…”

ASCOLTA L'AUDIO

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l'ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

I commenti sono chiusi.