Bliss – Felicità | Short Stories. I piccoli capolavori che fanno crescere il tuo inglese.
Katherine Mansfield: Bliss - The Garden Party
Katherine Mansfield
Bliss – Felicità
The garden party - La festa in giardino
Anno di pubblicazione: 2009
FORMATI DISPONIBILI
Bliss – Felicità
Voti: 3, Media: 4.00
CENNI BIOGRAFICI
LA TRAMA

Katherine Mansfield nasce nel 1888 a Wellington, Nuova Zelanda da una famiglia molto agiata. Compiuti i primi studi in patria, nel 1903 si trasferisce a Londra per studiare al Queen’s College.

Nel 1906 torna in Nuova Zelanda, ma nel 1908 decide di trasferirsi definitivamente nella capitale inglese, dove frequenta numerosi intellettuali e nel 1918 sposa il critico ed editore John Middleton Murry.

Si  ammala intanto di tubercolosi, che cerca di curare in tutti i modi, anche i più eterodossi.
Muore a Fontainebleau, in Francia, nel 1922, mentre si sottoponeva a un ciclo di cure nell’istituto paraesoterico di Georges Gurdjieff.

I due racconti qui proposti esemplificano al meglio tale disposizione complessiva.
Lo splendido Felicità (1920) disegna con rapidi tratti il microcosmo della trentenne Bertha Young – agiata signora con bambina, bambinaia e marito molto amato ma pochissimo desiderato – colta in un giorno in cui si sente vibrare dentro una misteriosa e travolgente gioia di vivere.

Attende alle sue ordinarie faccende sempre con quella strana vibrazione dentro, e in uno stato di assoluto benessere si dispone a ricevere a cena un gruppo di amici, fra cui la nuova “scoperta” Pearl Fulton, enigmatica bionda conosciuta al club, che aveva immediatamente suscitato la sua curiosità.

In Garden-Party (1922), all’osservazione dei comportamenti della buona società si aggiunge anche il tema dei rapporti di classe.
Durante i preparativi per una festa in giardino data da una ricca e fatua famiglia, giunge la notizia che nel vicino vicolo di casupole e tuguri un carrettiere è morto in un incidente, lasciando senza sostentamento moglie e cinque figli.

La giovane Laura, la più sensibile della famiglia, vorrebbe che la festa venisse sospesa, ma incontra il deciso diniego di tutti gli altri componenti, a partire dalla madre, che dopo averle spiegato le sue ragioni, le regala un suo cappello particolarmente grazioso, da sfoggiare per la festa.

“E dopotutto il tempo era ideale. Non avrebbero potuto avere una giornata migliore per una festa in giardino, nemmeno se l’avessero ordinata. Senza vento, calda, in cielo nemmeno una nuvola. Solo l’azzurro era velato da una foschia color oro pallido, come a volte accade all’inizio dell’estate.”

“And after all the weather was ideal. They could not have had a more perfect day for a garden-party if they had ordered it. Windless, warm, the sky without a cloud.Only the blue was veiled with a haze of
light gold, as it is sometimes in early summer.”

ASCOLTA L'AUDIO

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l'ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

I commenti sono chiusi.