A Sweet Day – Una dolce giornata | Short Stories. I piccoli capolavori che fanno crescere il tuo inglese.
500x653_Short_Vol7
Ada Cambridge
A Sweet Day – Una dolce giornata
Data di pubblicazione: 29/08/2014
FORMATI DISPONIBILI
A Sweet Day – Una dolce giornata
Voti: 4, Media: 4.25
CENNI BIOGRAFICI
LA TRAMA

Ada Cambridge nasce in una famiglia della classe media a St Germans, nel Norfolk, il 21 novembre 1844. Di formazione autodidatta, fa il suo esordio letterario con Hymns on the Litany and two Surplices. A Tale (1865).

Nel 1870 sposa il reverendo George Frederick Cross, con cui parte dopo pochi mesi per l’Australia, seguendolo nei suoi vari spostamenti legati al lavoro pastorale, fino a stabilirsi a Williamstown, presso Melbourne, dove rimase dal 1893 al 1912. L’anno successivo ritorna in Inghilterra col marito che muore nel 1917; la Cambridge decide quindi di trasferirsi definitivamente in Australia dove rimane fino alla morte, sopraggiunta il 19 luglio 1926 a Elsternwick, un sobborgo di Melbourne.

Nonostante i problemi di salute, in parte dovuti a un grave incidente occorsole nel 1877, continua per tutta la vita l’attività letteraria. Autrice di oltre venti opere di narrativa (romanzi e raccolte di racconti), tre volumi di poesie, tra cui il pregevole The Hand in the Dark and Other Poems, apparso solo nel 1913, e due di memorie, tra cui Thirty Years in Australia (1903), è una scrittrice molto apprezzata in Australia e nel Regno Unito ma ancora poco conosciuta in Italia. Una dolce giornata nella collana delle Short Stories è il suo primo testo tradotto in italiano.

Una colonia lontana, popolata in origine di galeotti come l’Australia, non era ritenuta il luogo più adatto per una rispettabile donna inglese; tuttavia delle donne ci dovevano pur vivere, e Ada Cambridge era una di esse. Dalla sua produzione letteraria trapela abbastanza poco della lunga esperienza nel bush al seguito del marito, il reverendo George Frederick Cross. Del resto la preoccupazione dell’autrice non è descrivere oggettivamente il mondo in cui viveva, ma conciliare i valori del vecchio mondo con la vita nella colonia.

Ciò è molto evidente nel racconto A Sweet Day, in cui Thomas de Bohun, un lord inglese sfaccendato, nel corso di un viaggio in Australia rimane affascinato da una ragazza australiana, Letty Kemp, che vive in campagna nella casa del padre, proprietario decaduto.

Il paradigma letterario di riferimento è quello della convenzionale storia romantica inglese, ma la Cambridge propone un peculiare modello di donna, molto lontano dal prototipo della buona società della madrepatria: Letty è una donna energica, concreta, indipendente, ma molto diversa dalla figura emergente di “New Woman” caratterizzata dal rifiuto proto-femminista degli assetti tradizionali. In fondo la ragazza australiana non si discosta mai da quei canoni di rispettabilità borghese vigenti in Gran Bretagna, avendo come obiettivo principale il matrimonio.

Questa “Cenerentola del bush” si discosta dunque dall’ideale vittoriano di donna per la sua intraprendenza, ma è sempre pronta a tornare nei ruoli più tradizionali di moglie e madre.

ASCOLTA L'AUDIO

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l'ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

I commenti sono chiusi.