A Dog’s Tale – Storia di un cane | Short Stories. I piccoli capolavori che fanno crescere il tuo inglese.
Twain - A Dog's Tale
Mark Twain
A Dog’s Tale – Storia di un cane
At the Appetite Cure - Alla cura dell'appetito
Anno di pubblicazione: 2010
FORMATI DISPONIBILI
A Dog’s Tale – Storia di un cane
Voti: 4, Media: 4.50
CENNI BIOGRAFICI
LA TRAMA

Mark Twain, pseudonimo di Samuel Langhorne Clemens, nasce a Florida, Missouri, nel 1835, da famiglia di modeste condizioni.

Dopo i primi studi, a dodici anni comincia a lavorare come tipografo nel giornale locale, quindi si imbarca come apprendista pilota sui battelli che percorrevano il Mississippi.

Nel 1861, allo scoppio della Guerra di Secessione, si arruola col grado di tenente nell’esercito confederato, ma dopo poco tempo si congeda per dedicarsi a mille mestieri, non tutti legali (fu anche contrabbandiere).

Nel 1864  comincia a lavorare come giornalista e nel 1870 sposa Olivia Langdon, detta Livy, e si stabilisce a Hartford.
Divenuto famoso come scrittore e conferenziere, compie moltissimi viaggi in America e in Europa. Muore a Redding, nella sua casa di campagna, nel 1910.

 

In Storia di un cane, pubblicato da Mark Twain nel 1903, a parlare è appunto un cane, o meglio una cagnolina, nata da un pacioso San Bernardo e da una collie molto pretenziosa, capace di stupire il suo auditorio canino con paroloni sentiti dai padroni e da lei ripetuti con sussiego, pur nella pervicace ignoranza del loro significato.
Comincia così, su un registro in equilibrio fra la favola e la storia surreale, il primo dei due racconti qui proposti.

Più scherzoso, e più implicato nelle mode del tempo, è Alla cura dell’appetito (1900). Qui l’io narrante, quasi anoressico, capita in una clinica vicino Vienna specializzata nel far recuperare l’appetito a chi lo ha perduto, e diretta da un amabile ma terribile professor Haimberger.

Si è sempre parlato di umorismo come asse portante della produzione di Mark Twain. E certo in questi due racconti di umorismo ce n’è parecchio.

Ma c’è anche un’attenta analisi di vizi e virtù della società del tempo, materiale che egli traeva dal vero sottotesto della sua opera, costituito da un’infinita serie di inchieste e indagini serissime sulla vita quotidiana, il sistema sociale, i costumi morali degli americani e di altre popolazioni, che costituiscono l’inesauribile serbatoio sia delle “invenzioni” narrative che delle deformazioni caricaturali della sua scrittura

“Ci sono moltissimi luoghi di cura, come ho già detto. E fra loro anche questo istituto: Hochberghaus. Si erge solitario in cima a un colle ricoperto da fitti boschi, ed è un edificio di grandi dimensioni. Si chiama Appetite Anstalt, e chi ha perso i propri appetiti vi si reca per ricuperarli.”

“There are abundance of health resorts, as I have said. Among them this place – Hochberghaus. It stands solitary on the top of a densely wooded mountain, and is a building of great size. It is called the Appetite Anstalt, and people who have lost their appetites come here to get them restored.”

ASCOLTA L'AUDIO

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l'ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

I commenti sono chiusi.