Tobermory, the Unrest Cure – Tobermory, la cura dell’anti-riposo | Short Stories. I piccoli capolavori che fanno crescere il tuo inglese.
Saki - Tobermory The UnrestCure
Saki
Tobermory, the Unrest Cure – Tobermory, la cura dell’anti-riposo
Sredni Vashtar, the Story-Teller - Sredni Vashtar, il contastorie
Anno di pubblicazione: 2010
FORMATI DISPONIBILI
Tobermory, the Unrest Cure – Tobermory, la cura dell’anti-riposo
Voti: 0, Media: 0.00
CENNI BIOGRAFICI
LA TRAMA

Saki, pseudonimo di Hector Hugh Munro, nasce nel 1870 a Akyab, in Birmania, ove il padre era funzionario di polizia dell’impero britannico.

Rimasto orfano di madre a due anni, viene mandato presso i nonni in Inghilterra, dove compie gli studi. Nel 1893 si arruola nella polizia indiana e viene di nuovo destinato in Birmania, dove si ammala di malaria, ed è costretto nel 1895 al ritorno in Inghilterra.

Qui intraprende la carriera di giornalista, e nel 1902 approda al Morning Post, come  inviato e corrispondente dai Balcani, dalla Russia, da Varsavia, da Parigi e da Londra.

Allo scoppio della prima guerra mondiale, si arruola come volontario nel corpo dei Fucilieri dell’Esercito Britannico.
Inviato al fronte francese, viene ucciso presso Beaumont-Hamel nel 1916.

Tutti i racconti di Saki, tutti particolarmente brevi e scritti fra il 1902 e il 1914, sono ispirati da un graffiante sarcasmo rivolto contro i suoi tempi, e contro i tristi sacerdoti del conformismo e dell’ipocrisia che li amministravano.

Tobermory è ambientato in un benestante e sonnacchioso salotto inglese, nel quale l’ospite d’onore è uno strano professore che ha dedicato la sua vita a cercare d’insegnare a parlare agli animali.

Ne La cura dell’Antiriposo, il protagonista Clovis architetta una feroce beffa nei confronti di un signore incontrato in treno, tal J.P.Huddle.

Sempre in treno è ambientato Il contastorie, in cui una zia con due pestiferi bambini condivide lo scompartimento con uno scapolo che, evidentemente infastidito dalle intemperanze dei piccoli, decide di raccontare lui una storia.

Conradin, il bimbo protagonista di Sredni Vashtar, vive con una cugina e trascorre il suo tempo con un furetto, da lui idolatrato come un dio e battezzato, appunto, Sredni Vashtar. A quel dio Conradin rivolge fervide e continue preghiere perché lo liberi dalla cugina.

“Era così buona – continuò l’uomo – da guadagnarsi per la sua bontà diverse medaglie che lei portava sempre, appuntate sul vestitino. Vi era una medaglia per l’obbedienza, un’altra per la puntualità e una terza per il buon comportamento…”

“She was so good – continued the bachelor – that she won several medals for goodness, which she always wore, pinned on to her dress. There was a medal for obedience, another medal for punctuality, and a third for good behavior…”

ASCOLTA L'AUDIO

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l'ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

I commenti sono chiusi.